Insieme, diamo vita al tuo progetto

una collaborazione

Cos’è una STARTUP INNOVATIVA?

Un’idea innovativa o un nuovo modo di proporre un servizio o un prodotto già esistente. Un business potenzialmente redditizio. Come concretizzare un progetto? Aprire una startup innovativa può essere una soluzione.

Una startup è un’impresa di nuova o recente costituzione che si trova all’inizio del proprio percorso di sviluppo e che ha quindi bisogno di crescere.

Se l’impresa si occupa di sviluppare, realizzare e vendere prodotti o servizi innovativi e altamente tecnologici può diventare una startup innovativa a determinate condizioni. Per questo tipo di imprese sono previste diversi incentivi che ne facilitano la nascita e lo sviluppo.

Una startup può essere fondata da uno o più imprenditori. Inizialmente i costi sono elevati e le entrate scarse o nulle, per questo motivo chi intende aprire una nuova impresa cerca finanziamenti da varie fonti.

La differenza tra una startup e le altre attività è la modalità con cui viene creato un prodotto. Infatti, le aziende replicano un prodotto già esistente, cioè replicano un modello già esistente. Una startup ha come obiettivo quello di creare un modello nuovo e innovativo.

Cos’è una STARTUP INNOVATIVA?

Frequently
Asked
Questions

Conoscere il nostro modello di lavoro, i tempi, le modalità e le tipologie di progetti. Di seguito un elenco di risposte alle tue possibili domande. E se hai dei dubbi o ci sono aspetti che ti risultano poco chiari, contattaci subito!

Startup in Goal è un network di professionisti in grado di supportare le startup nelle diverse aree aziendali in funzione delle specifiche esigenze e necessità. Il nostro team farà un assesment dell’azienda per comprendere le aree in cui il team deve essere affiancato per poi metterla in contatto con i professionisti di riferimento.

Lavoriamo come aggregatore di professionisti, che si occuperanno singolarmente di fare le proprie quotazioni in funzione del lavoro da svolgere. Tutti i nostri partner valutano la possibilità di affiancare il team con la formula Work for Equity, ovvero svolgendo la propria attività professionale in cambio di quote societarie senza chiedere un costo diretto per la prestazione eseguita.

Il percorso con Startup in Goal consiste in un vero e proprio affiancamento al team la cui durata varia in funzione delle attività da svolgere e dallo stadio di sviluppo della società stessa. La collaborazione può essere continuativa e superiore a un anno oppure limitata al periodo di intervento dei singoli lavori da effettuare.

Ci occupiamo di tutti i progetti imprenditoriali in tutti i settori merceologici e in diverse fasi di sviluppo:

  • Pre-seed: pre-costituzione;
  • Seed: Minimum Viable Product effettuata e primo round fatto;
  • Early stage: prodotto commercializzato e secondo round fatto;
  • Growth: round serie A o serie B in corso.

Creare una startup innovativa

Perché possa definirsi innovativa il nostro ordinamento richiede (art.25, Decreto Crescita 2.0) che “la startup abbia quale oggetto sociale, esclusivo o prevalente, lo sviluppo, la produzione e la commercializzazione di prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico“.

I requisiti per aprirla:

  • Essere titolare, depositario o proprietario di un brevetto o software
  • Investire il 15% del fatturato o dei costi di produzione per la ricerca e lo sviluppo
  • Impiegare personale qualificato secondo le quote previste dalla normativa

Quanti soldi servono per avviarla?

Si spendono dai 1.000 ai 3.000 euro.


Quali passi compiere?

Una volta terminata la fase di studio e analisi del progetto d’impresa redigendo un business plan, ovvero un documento che permetta di capire la reale fattibilità del progetto, prevenendo anche eventuali problemi che emergeranno, si può costituire la società. La forma societaria più scelta è la società a responsabilità limitata (o SRL). Questa società permette di limitare la responsabilità dei soci ai soli soldi investiti.

Il primo passo per costituire una startup è creare l’atto costitutivo e lo statuto. L’atto costitutivo contiene le informazioni sui soci e sull’impresa (es. il nome della società e i dati dei soci). Lo statuto, invece, disciplina come funziona società.

Si consiglia di rivolgersi a un notaio specializzato in startup innovative per firmare i documenti necessari e costituire la società. Il notaio verificherà l’identità dei soci, il versamento del capitale sociale e si occuperà dell’iscrizione della società nel Registro delle imprese. In particolare, per le startup innovative è necessaria l’iscrizione nella sezione speciale delle startup per beneficiare delle varie agevolazioni previste.

Dopo la costituzione della società bisogna completare alcuni adempimenti successivi obbligatori. In particolare, la società dovrà aprire la partita IVA ed effettuare le comunicazioni obbligatorie per iniziare l’attività. Inoltre, sarà necessario creare e far vidimare i libri sociali obbligatori.


I fondi

Uno degli aspetti principali legati alla creazione di una nuova impresa è la possibilità di accedere ad appositi fondi e ad agevolazioni. Avendo come obiettivi la crescita rapida e l’elevata scalabilità del modello di business, la ricerca di investimenti a sostegno di un progetto in fase iniziale è una parte fondamentale del lavoro.

Aprendo una startup si ha la possibilità di partecipare a bandi, progetti e premi dedicati che possono aiutare a dare visibilità al progetto ed entrare nelle reti e nei circuiti professionali di cui si ha bisogno. Così facendo si possono ottenere risorse importanti, come la possibilità di accedere ad acceleratori, incubatori e coworking, ma anche poter presentare la propria idea e il nuovo progetto a potenziali investitori.

 Esistono due principali tipologie di investitori:

  • i soci fondatori: il team iniziale può portare anche le risorse economiche necessarie per avviare l’attività oltre al proprio lavoro
  • i soci esterni che non collaborano nell’impresa ma forniscono solo risorse finanziarie in cambio di una quota della società. Possono essere sia privati (es. amici, parenti, business angel) sia fondi o società che si occupano di investire professionalmente in startup.

Per le startup innovative è più semplice coinvolgere investitori nella propria attività. Infatti, per chi investe in questo tipo di imprese sono previste delle agevolazioni. Nello specifico, si può ottenere fino al 50% di detrazione fiscale.

ciclo di vita
di una startup
ciclo di vita di una startup

.01

BOOTSTRAP e PRE-SEED

Questa è la fase più embrionale, composta solo da un’idea, che inizia a prendere forma nei contorni di un progetto organizzato. Pertanto, c’è bisogno di validare idee e mercati, e questa attività deve essere svolta spendendo meno denaro possibile e lavorando in modo efficiente. Se non c’è mercato e nessuno è disposto a pagare per ciò che offri, allora è meglio ‘chiudere’ o valutare Pivot e concentrare le risorse su un altro progetto.

.02

SEED

Nella fase seed l’obiettivo è quello di fornire una struttura solida affinché l’idea entri nel mercato di riferimento. In questa fase viene sviluppato il primo prototipo del prodotto o servizio offerto (Minimum Viable Product) per acquisire i primi clienti e testare la traction della startup. Successivamente andrà affinato il modello di business; per questo, possono essere utilizzati strumenti come Business Model Canvas o Lean Canvas. Qui entrano i primi investitori, tra i quali troviamo business angel, banche, acceleratori o crowdfunding.

.03

EARLY STAGE

Nelle prime fasi, le startup si concentrano sull’ottenere feedback dal mercato e sull’identificazione del giusto prodotto/mercato adatto a generare i primi ricavi. Questa è una fase critica nel continuo sviluppo e molte aziende falliscono a questo punto perché non riescono ad attirare l’attenzione degli investitori. Infatti, i fondi di investimento di capitale di rischio o di crowdfunding vengono coinvolti in una fase iniziale. Se tutto va bene, si può passare alla fase successiva.

.04

EARLY GROWTH

In questa fase la startup assume la forma di una vera e propria azienda. Si avrà un’idea e un mercato comprovato, un buon prodotto o servizio e i clienti inizieranno ad arrivare. Ora è il momento di premere il pedale del gas! In questa fase, il progetto nascente si è trovato a dover sostenere due round di investimenti, necessari per gestire il numero sempre crescente di clienti. I round di investimento in questione, noti come serie A e serie B, differiscono per dimensioni e rischio del prestito.

.05

GROWTH

La fase finale del ciclo di vita della startup è definita come Growth, rappresentando la fase di crescita continua. Pochissime aziende riescono a raggiungere questa fase. Nella fase di crescita, utenti e clienti crescono in modo esponenziale e il fatturato aumenta rapidamente. In questa fase vengono effettuati round di serie C che sono una serie di finanziamenti a basso rischio, solitamente precedenti a una IPO (Initial Public Offering), finalizzati al consolidamento.

per tutto questo (e molto di più) nasce

STARTUP IN GOAL

STARTUP IN GOAL

Gli imprenditori sono pionieri che, ogni giorno, lavorano con tenacia per sviluppare la loro idea di business, renderla scalabile e portarla in vetta al mercato. Affrontano sfide e ostacoli continui, perché è solo così che possono fare emergere la loro impresa e diventare leader.

Ma in un contesto aziendale, anche i pionieri più arditi hanno bisogno di circondarsi di competenze professionali e manageriali diverse dalle loro, sempre più elevate e difficili da reperire; risorse capaci di mettersi al servizio dell’impresa e di supportarla nelle fasi più complesse del suo sviluppo.

Per questo nasce STARTUP IN GOAL: per fornire a imprese nascenti le esperienze e le competenze necessarie a dare corpo alle migliori idee di business, creare realtà vincenti e spingere quelle esistenti fino al loro massimo potenziale.

In che modo supportiamo le startup?

Services Hub

Forniamo competenze specifiche in aree funzionali strategiche: Finance & Tax Strategy, Legal, Management Accounting, Employment e Communication

Fundraising

Identifichiamo insieme all’imprenditore aree specifiche di intervento per strutturare la corretta strategia di Fundraising.

Direct Investments

Valutiamo attentamente ogni progetto ed offriamo un investimento diretto nella Startup, affiancandola inoltre durante le sue fasi di sviluppo.

dal nostro BLOG

Il Salone del Mobile di Milano 2024: uno sguardo alle Startup Emergenti

Il Salone del Mobile 2024 si preannuncia come un evento imperdibile per gli appassionati di design, con un focus su innovazione, talento e la città di Milano. Tra le novità, un layout ottimizzato e centrato sull’uomo, l’uso delle neuroscienze e dell’intelligenza artificiale per migliorare l’esperienza dei visitatori, e un forte impegno verso la sostenibilità.
CONTINUA Il Salone del Mobile di Milano 2024: uno sguardo alle Startup Emergenti